Disconnettersi dalla frenesia quotidiana, allacciare gli scarponi da trekking e spegnere il cellulare, per riconnettersi con sé stessi e l’imponente bellezza della natura in vetta alle Dolomiti. A chi vuole immergersi nel silenzio rigenerante della montagna, il comprensorio Alpe Lusia/San Pellegrino propone alcune imperdibili esperienze all’insegna del digital detox!

Tra queste un indimenticabile pic-nic in vetta al Col Margherita, con le creazioni dello chef Alfio Ghezzi. Imperdibile per tutta la stagione estiva El Prosac, un cesto per pranzare seduti in vetta alle Dolomiti, con salumi e formaggi locali, giardiniera e un dolce preparato dallo chef Alfio Ghezzi, con la possibilità di aggiungere a proprio piacere una bottiglia di vino o una bevanda analcolica, come i nettari della linea Antologia Alfio Ghezzi, comodamente rilassati su una morbida coperta nel punto più alto del Col Margherita, a 2.514 metri, avvolti dalle Dolomiti e circondati da suggestivi specchi d’acqua. È questa una delle proposte del rifugio InAlto che offre piatti semplici, pensati e cucinati con responsabilità rispettando la stagionalità. Inserito nella Guida Michelin Italia 2024, InAlto suggerisce questa speciale alternativa per chi vuole godersi le Dolomiti all’aria aperta, gustandosi il panorama e le prelibatezze di InAlto a diretto contatto con la natura. Il rifugio e il Col Margherita sono raggiungibili con l’omonima funivia che parte dal Passo San Pellegrino (aprono il 29 giugno).

Il valico alpino che si estende tra Moena (TN) e Falcade (BL) è un luogo magico da vivere con gli amici o in famiglia, dove immergersi in un’avventura unica tra le Dolomiti della Val di Fassa e della Valle del Biois, un angolo incontaminato tutto da scoprire, lontano dal traffico e dai sentieri più battuti.